Nata a Torino negli anni ’50, è stata acuta osservatrice di due generazioni di donne. Al centro della sua scrittura la liberazione sessuale, la maternità, la fatica di crescere, il passaggio del tempo.

<<Scrivo da quando ho memoria, scrivo per mantenerla, la memoria, l’attenzione, qualcosa di vigile. Scrivo per sorvegliare lo svolgimento della vita. La mia, quella degli altri. Se non scrivessi sarebbe un bel guaio>>.

 

 

Ha scritto Porci con le ali (1976) libro cult della generazione calda degli anni di piombo, quasi tre milioni di copie vendute in tutto il mondo.

La sua produzione letteraria è vastissima. Le opere più note al pubblico sono Ammazzare il tempo (1978) Sorelle (1994), Maledetta gioventù (1999), Né giovani né vecchi (2000), Il freddo dentro (2003), Eterna ragazza (2006), La guerra dei figli e La donna gigante (2009). E’ ritornata quest’anno sulla scena editoriale  con Bagna i fiori e aspettami (2012).

 

Martedì 11 dicembre
Tropea Museo Diocesano ore 21.00
INCONTRO D’APERTURA – LEGGERE&SCRIVERE LALETTERATURA CONTEMPORANEA
Lezioni di presente con Lidia Ravera
Lidia Ravera con Pasqualino Pandullo

 

protagonisti Home page