salviati

Classe ’73. Studiosa di storia dell’editoria e letteratura per l’infanzia, è autrice di saggi e articoli sulle problematiche delle lettura. Nel 1999 ha fondato e diretto l’Annuario “Biblioteche Scolastiche” affidato dal Ministero per i Beni Culturali e pubblicato dall’Editrice Bibliografica di Milano. Intensifica le sue ricerche indirizzandole verso la storia dell’editoria con particolare attenzione per quella scolastica ed educativa, argomento che oggi è al centro della sua principale attività di ricerca.
Chiamata come Professore a contratto presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Genova (cattedra di Letteratura per l’infanzia) e successivamente presso la Facoltà di Lettere e Filosofia (cattedra di Storia del libro e dell’editoria), ha tenuto seminari, conferenze e lezioni presso molte Università italiane, e segnatamente è stata chiamata nel Master “Editoria cartacea e multimediale” promosso dall’Università di Bologna e diretto da Umberto Eco. Ha svolto conferenze e incontri anche presso l’Istituto italiano di cultura a Zurigo, la BNF di Parigi, le Salon du livre de Montreuil, la Biblioteca de La joie par le livre di Parigi. Nel 2008 ha assunto la direzione dei periodici scolastici dell’editore Giunti, “La Vita Scolastica”, “Scuola dell’infanzia”, “Sesamo didattica interculturale” e gli omonimi webmagazine; ha tenuto l’incarico fino alla fine del 2014. Nel 2013 è stata insignita del Premio della rivista “Andersen” come “promotore della cultura e della lettura”. Tra gli incarichi più rilevanti degli ultimi anni, si annoverano, in particolare, il Coordinamento scientifico del Progetto In vitro promosso dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni Ambientali e Culturali e la partecipazione alla Giuria della prima edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi (2016). Nel 2015 è entrata a far parte della Giuria del Premo della riviste “Andersen” e nel 2017 negli “Amici della Domenica” del Premio Strega. Tra i libri recenti: La biblioteca spiegata agli insegnanti (Editrice Bibliografica) e Mario Lodi maestro (Giunti).