Bozza automatica 15

Appassionata viaggiatrice, ho lavorato a lungo per il Manifesto, quello di Natoli, Rossanda, Pintor, Castellina, Parlato e tanti altri. Mi sono occupata di danza e di moda, ho guidato la cronaca di Roma, ho lavorato alla cultura e infine ho fatto il redattore capo.

All’Unità, seconda parte di professione e di vita, sono arrivata all’epoca di Furio Colombo. Da qualche anno in pensione, continuo a coltivare la mia “malattia”, il giornalismo vecchio tipo.

Nel 2001 ho pubblicato insieme a Vezio De Lucia “La Roma di Petroselli. Il sindaco più amato e il sogno spezzato di una città per tutti”, Castelvecchi editore. Ora, con Peter Kammer, “Aldo Natoli. Un comunista senza partito”, edizioni dell’asino.

Da anni, tra l’altro, insegno italiano ai migranti.

Ho un blog, Città e città (https://cittaecitta.wordpress.com/) e partecipo alla gestione del sito Strisciarossa.it