E’ una “calabrese di Torino”: di origini piemontesi, dove è nata ed ha vissuto fino a quando si è spostata a Roma come giornalista parlamentare, portavoce (di alcuni ministri e altre cariche istituzionali), esperta di comunicazione strategica, pubblica e istituzionale. Nel 200, approdata per lavoro in Calabria, l’ha scelta come terra di adozione. Autrice, conduttrice di programmi radiofonici e televisivi, ha scritto i romanzi “Ius sanguinis” (Città del Sole, Rc, 2009), “Bianco come la vaniglia” (Sabbiarossa, Rc, 2011), “carta vetrata” (Sabbiarossa, Rc, 2013), il fantanoir “‘Ndranghetown” (Agenzia X, Mi, 2011), la raccolta di racconti “Faceboom”  (Sabbiarossa, Rc, 2015). Ha scritto anche diversi saggi tra cui “Senza targa” (Sabbiarossa, Rc, 2012) con A. Russo e “La ‘ndrangheta davanti all’altare” (Sabbiarossa, Rc, 2013), a più mani.