Gerace (Reggio Calabria) 22 luglio 1958. Magistrato. Dal 2016 è procuratore della Repubblica di Catanzaro; precedentemente, è stato pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia a Reggio Calabria. E’ stato a capo di numerose e delicate indagini sulla ’ndrangheta, tra cui quella sulla strage di Duisburg dell’agosto 2007. Si dice che, nel febbraio 2014, il premier Matteo Renzi lo volesse come ministro della Giustizia, ma la carica fu poi ricoperta da Andrea Orlando. Ha ottenuto la scorta già all’età di 30 anni ed è stato vittima di un attentato, sventato per tempo, all’età di 48. Definisce la ’ndrangheta come «l’organizzazione criminale più dura, più cruda e più asciutta che si conosca, quella meno permeabile perché il fenomeno del pentitismo e quasi pari a zero».

Tra i suoi libri, molti dei quali scritti con Antonio Nicaso, ricordiamo ‘Ndrangheta, le radici dell’odio (2007), Fratelli di sangue (2007), La Malapianta (2010), Acqua santissima (2013), Oro Bianco. Storie di uomini, traffici e denaro dall’impero della cocaina (2015), Padrini e padroni. Come la ‘ndrangheta è diventata classe dirigente (2016), Fiumi d’oro. Come la ‘ndrangheta investe i soldi della cocaina nell’economia legale (2017).