Bruno Gambarotta, nato ad Asti nel 1937, ha trascorso quasi tutta la sua vita lavorativa presso la Rai, ricoprendo vari ruoli, dal cameraman al produttore esecutivo. È stato anche, saltuariamente, conduttore e spalla in radio e in televisione, attore in film e in fiction televisive. Collabora con due rubriche settimanali al quotidiano La Stampa.

ha scritto romanzi di genere giallo-ironico-parodistico che hanno avuto un notevole successo di vendite e di critica; fra questi ricordiamo “La nipote scomoda” (scritto a quattro mani con Massimo Felisatti, uscito in libreria nel 1977 e vincitore del Premio Gran Giallo – città di Cattolica) e “Torino, lungodora Napoli” (1995).

Nel 2006 per la casa editrice Morganti apre la collana di romanzi “Le Grandi Parodie” con “Il Codice Gianduiotto”, spassoso e colto intrattenimento che fa il verso al vendutissimo “Codice da Vinci” di Dan Brown.

Tra i suoi ultimo lavori ricordiamo: “Il postino spara sempre due volte” (2008) e “Polli per sempre” (2009).

Non si piange sul latte macchiato. Racconti in giallo, Manni, 2016, (Vincitore Premio Settembrini 2016 – Menzione speciale Premio Stresa 2017)

Il colpo degli uomini d’oro. Il furto del secolo alle Poste di Torino, Manni, 2018