L’Assessore alla Cultura Mario Caligiuri ha scelto un incontro con gli studenti calabresi per l’Inaugurazione del TropeaFestival Leggere&Scrivere.

Vibo Valentia 04-11-2013 – Bagno di folla per il battesimo ufficiale della seconda edizione del TropeaFestival Leggere & Scrivere, che ha inaugurato il suo fittissimo programma – oltre 60 incontri con 200 fra scrittori, autori e addetti ai lavori – con un incontro piacevolmente seguito fra l’assessore Mario Caligiuri,i vertici organizzativi della manifestazione che fa parte dell’ambizioso cartellone “Calabria, terra di festival” e una quanto mai attenta platea composta da una fitta rappresentanza di  studenti calabresi, presso l’auditorium dello Spirito Santo.

Fra gli oltre 500 studenti calabresi provenienti da tutta la Calabria era presente una delegazione del liceo statale “V. Capialbi”; l’IIS Itg Iti “M. Morelli D Colao”; IC Murmura; il liceo scientifico “G. Berto” con la sua web tv; le hostess e gli stuart dell’IIS De Filippis-Prestia che insieme all’istituto alberghiero Enrico Gagliardi di Vibo Valentia si è occupato dell’accoglienza; l’IIS P. Galluppi di Tropea che ha 5 ragazzi in giuria; l’IIS Einaudi di Palmi (Rc); l’ITC G. Galilei di Vibo Valentia.

L’incontro  è stato aperto dai bambini del coro del Convitto “Filangieri” di Vibo Valentia,  già protagonisti di una applauditissima esibizione  nel cortile d’onore del Quirinale in occasione dell’inaugurazione dell’anno scolastico. 

“La circostanza che una regione italiana abbia assunto la promozione della lettura come priorità politica è un segnale importante per il resto d’Italia- ha ribadito Caligiuri- Stiamo investendo risorse importanti per promuovere l’abitudine alla lettura. I risultati del nostro lavoro sono già evidenti. Da ultima regione per diffusione della lettura nel 2010, oggi siamo davanti a regioni come la Sicilia o la Campania. Nel 2015 puntiamo ad essere la prima regione del Sud Italia per indice di lettura. Puntiamo quindi sui giovani, creando sempre più iniziative che possano appassionare un pubblico così strategico. Dalle parole, nascono le idee, le idee costruiscono la visione di un mondo, la visione del mondo è la condizione per saper costruire il futuro. Conoscere più parole, significa quindi avere più idee.” Questo l’invito dell’assessore ai giovani presenti: leggete per avere più idee per il vostro futuro.

E’ in questo senso che va considerato il TropeaFestival Leggere&Scrivere. L’iniziativa ha mantenuto le promesse di crescita registrate al suo debutto, e il suo programma vedrà convergere in Calabria importanti intellettuali europei insieme al meglio della cultura regionale. “Oggi questa manifestazione- prosegue l’assessore –  si inaugura con coloro i quali sono i protagonisti reali e a cui teniamo di più, vale a dire gli studenti, dai quali deve partire l’entusiasmo per la lettura, anche perché la cultura ed il suo sviluppo partono proprio da questo lavoro alla base. Voglio inoltre ricordare il programma di sviluppo “Pitagora Mundus”, un’azione formativa dell’Istituto Superiore Calabrese di Politiche Internazionali che intende concorrere alla creazione di una rete del sapere, volta ad approfondire tematiche legate al rinnovamento del comune sentire verso la promozione di un’armonia fra le genti.”

Il Programma Pitagora Mundus prevede la creazione di 10 Scuole della Sapienza aperte alle migliori competenze per approfondire e promuovere lo studio delle dinamiche scientifiche e socio politiche attuali, attraverso momenti di recupero e diffusione della cultura magno-greca, italiana ed euro-mediterranea. Il fine ultimo è, dunque, quello di creare in Calabria centri di eccellenza volti allo studio di alcuni aspetti particolari della cultura moderna che si avvarranno del contributo delle migliori docenze internazionali e di una selezione di studenti, scelta con criterio meritocratico, tra i migliori giovani laureati dei Paesi partner.” Fra le altre scolaresche, era presente una delegazione del Polo di Cutro guidata dal prof. Salvatore Staine, che ha dato la disponibilità a coinvolgere anche un gruppo di ragazzi egiziani in questo progetto internazionale. Gilberto Floriani e Giuseppe Navarra, rispettivamente direttore e presidente del Sistema Bibliotecario Vibonese, soggetto capofila del TropeaFestival, hanno fatto gli onori di casa, presentando alcuni eventi e proponimenti della manifestazione, mentre Pasqualino Pandullo, direttore artistico del Premio Letterario Tropea, ha presentato la triade finalista alla settima edizione. In chiusura ancora Caligiuri, ha nominato calabresi illustri da Pitagora a Tommaso Campanella fino a Leonida Repaci e Mimmo Rotella, come esempi che possano essere di sprone per i giovani in sala che poi hanno voluto rompere il protocollo, raggiungendo l’assessore sul palco insieme alla coordinatrice Rita Macrì, per una conversazione informale ed ulteriormente densa di stimoli.

 L’incontro è stato a cura dell’associazione La Movida, Il “TropeaFestival Leggere&Scrivere”, è inserito tra gli appuntamenti del progetto: “Travel Game: la cultura della lettura”

Gli incontri di domani 5 novembre

5 Novembre – Ore 12.00Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia

Inaugurazione mostre d’arte.  Intervengono Raffaele Suppa e Daniele Marino

5 Novembre – Ore 17.00Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia

Conversazione di Arcangelo Badolati con Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, autori di Acqua Santissima (Mondadori, ottobre 2013)

A partire dall’Ottocento gli uomini della ‘ndrangheta hanno beneficiato del silenzio e dell’indifferenza della Chiesa. Solo dagli anni Cinquanta del ventesimo secolo sono comparse le prime denunce, le prime lettere pastorali, e la ‘ndrangheta è diventata “un cancro esiziale”. Da allora la Calabria ha conosciuto straordinarie figure di ecclesiastici, come Giovanni Ferro, Italo Calabrò e Giuseppe Agostino che, da presidente del consiglio episcopale calabrese, propose di negare i sacramenti agli ‘ndranghetisti, restando però inascoltato. Nicola Gratteri e Antonio Nicaso ricostruiscono questo lungo e imbarazzante abbraccio tra boss e uomini di Chiesa, raccontano le storie dei tanti sacerdoti e vescovi che hanno accettato le logiche della ‘ndrangheta, e dei pochi che, invece, hanno avuto il coraggio di far sentire la loro voce e denunciare.

5 Novembre – Ore 17.00 Museo Diocesano – Tropea

Libri, Cinema, TV.  Dalla Calabria al centro dello schermo

Gioacchino Criaco – Demetrio Crucitti – Mimmo Gangemi  – Santo Gioffrè – Maurizio Marchetti – Luigi Michele Perri – Maria Serrao

Parole e immagini sono segni appartenenti a sistemi diversi che trovano nel romanzo e nel film luoghi di arricchimento reciproco. La tendenza del romanzo a un orientamento in senso cinematografico è un percorso inaugurato alla fine del XIX secolo e oggi consente un dialogo tra le due forme del racconto costante e maturo. Il montaggio cinematografico, nella sua distruzione della linearità del tempo, ha radicalmente mutato il senso della continuità, liberando il romanzo dai suoi equilibri necessari. La figura dello spettatore/lettore creativo così cara ai narratori post-cinematici oggi trova un’ulteriore crescita e una sconfinata opportunità espressiva. Le opportunità di partecipare al processo creativo offerte dal web aprono nuove strade. La nuova sfida è la partecipazione, la creazione corale, la rappresentazione della realtà multiprospettica.

 

5 Novembre – Ore 18.00 Museo Diocesano – Tropea

Dialogo sulla bellezza

Con Fernando Miglietta  (la fabbrica estetica) Franco Piperno  (il paesaggio celeste) Carmelo Strano  (l’estetica della globalizzazione)

Il pensiero creativo, l’osservazione scientifica, la riflessione filosofica, a confronto sul tema della bellezza come Forma della cultura, attraverso il confronto tra un architetto-artista, un fisico e un filosofo. Tre modi diversi di guardare alle molteplici forme della bellezza contemporanea, dall’arte della città, al paesaggio “celeste”, all’estetica della globalizzazione.

5 Novembre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia

Biblioteche e promozione della lettura nel MezzogiornoIncontro con Gian Arturo Ferrari. Le regioni dell’Italia meridionale sono quelle a più basso indice di lettura, mediamente 10/12 punti percentuali in meno rispetto alla media nazionale e tale gap persiste malgrado in alcune regioni, tra cui la Calabria, siano state messe in atto numerose e importanti iniziative per migliorare la situazione. Analogo stato di sofferenza manifestano le biblioteche e gli altri presidi del libro; l’incontro è un’occasione per fare il punto sulla situazione, per individuare nuove strategie di promozione della lettura e per ripensare a un nuovo ruolo delle biblioteche pubbliche.

5 Novembre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia

Conversazione di Aldo Varano con Curzio Maltese e Piero Sansonetti sul tema: “L’Italia tra sopravvivenza e declino”. Coordina Raffaele Suppa.

5 Novembre – Ore 19.00 – Museo Diocesano – Tropea

Conversazione di Annamaria Terremoto con Gennaro Sangiuliano autore del volume Repubblica senza patria. Storia d’Italia 1943-2013 (Mondadori, ottobre 2013) Sangiuliano in coppia con Feltri, racconta la storia d’Italia, insieme rievocano episodi lontani, dalla Costituente al dramma dell’omicidio Moro, dai rampanti anni Ottanta fino al tramonto della Seconda Repubblica.

5 Novembre – Ore 21.00 – Museo Diocesano – Tropea Concerto di Monica Demuru – Natalio Mangalavite – David Riondino Tra teatro e musica, letteratura e poesia la “canzone” accoglie generi d’arte scritti e improvvisati per uno spettacolo con tre protagonisti della scena italiana da tempo attivi in progetti comuni illuminati dall’estro parolifico di David Riondino;  classici e canzoni originali,  Boccaccio e i poeti latinoamericani.

Il TropeaFestival Leggere&Scrivere è finanziato dalla Regione Calabria, Assessorato alla Cultura, nell’ambito del bando “Calabria Terra di Festival”. POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N° 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE V – RISORSE NATURALI, CULTURALI E TURISMO SOSTENIBILE.

 

Per tutte le altre info:

www.festivaleggerescrivere.it; e-mail: ufficiostampa@tropeafestival.it