Un festival che si preannuncia con grandi ospiti, nella prima giornata – lunedì 9 ottobre – apre subito le sue porte a una figura di rilievo: Pietro Grasso. Il presidente del Senato arriva a Vibo Valentia, in qualità di scrittore: presenta, infatti, il suo ultimo libro Storie di sangue, amici e fantasmi. Ricordi di mafia (Feltrinelli, 2017). Il libro è la testimonianza della sua lotta alla mafia come magistrato: una lotta coronata da successi e da dolori come la perdita degli amici e colleghi Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. L’appuntamento con Grasso è alle ore 11, presso l’auditorium dello Spirito Santo.gras

Traferiamoci a palazzo Gagliardi, sede tradizionale del festival. Qui, alle ore 16 (sala A) la giornalista del Tg2 Luciana Capretti è ospite con il suo ultimo libro La jihad delle donne (Salerno, 2017), dedicato alla scoperta dell’Islam femminista fra l’America e l’Europa.

Sempre alle ore 16, ma in sala B, lo scrittore e saggista Michele Ballerin presenta il libro Riformismo europeo (Guida Editore, 2017) che propone il tema di una nuova prospettiva per le forze progressiste del nostro continente, al fine di rilanciare l’ideale europeo. Si parlerà ancora delle sorti dell’europeismo, alle ore 17 (sala A) con Davide Giacalone, autore di Viva l’Europa viva (Rubbettino, 2017)

 

Alle ore 18, in sala A, ci sarà la presentazione in anteprima nazionale di Attenti al sud (Piemme, 2017) che Mimmo Gangemi, Raffaele Nigro e Pino Aprile, presenti qui a Vibo, hanno scritto insieme a Maurizio De Giovanni.

Stesso orario, ma in sala B, per Daniela Rabia che presenta La voce dell’eco (Caratelli, 2017). Conversano con l’autrice Salvatore Bullotta, Bruno Censore e Nicola Irto.

Gian_Antonio_Stella-TrentoOre 18, sala C: Serafino Paternoster presenta Le Città invincibili. L’esperienza di Matera 2019 (Universo sud, 2017)) Conversano con l’autore Gilberto Floriani, Vitaliano Papillo, Paolo Verri e Pino Zappalà. Le città hanno un corpo e un’anima. E come il corpo e l’anima non possono restare immobili, ferme, ancorate alla loro storia. In questo diario di bordo l’autore racconta come è nata la candidatura e come si è sviluppata attraverso progetti e attività che in cinque anni, dal 2010 al 2015, hanno portato Matera a una visibilità e credibilità internazionale sconfiggendo pregiudizi.

In sala A, alle ore 19, Aldo Varano intervista Mario Oliverio, presidente della Regione Calabria.

La giornata si conclude alle ore 21 (sala A) con una grande firma del giornalismo italiano: Gian Antonio Stella. Noto per il suo best seller La casta e per i suoi corsivi contro il degrado della politica, Stella terrà al festival una lectio magistralis su “Patria, patrie e patrimonio. Identità di popolo e identità culturale”. Sarà accompagnato dalle musiche dal vivo di un trio di musicisti d’eccezione composto da Maurizio Camardi, Nando Citarella e Mauro Palmas.

 

Scopri tutti appuntamenti del giorno su www.festivaleggerescrivere.it/il-programma