Con sincera stima e riconoscenza per aver trasmesso e condiviso, con i giovani musicisti delle Orchestre di Fiati e delle Bande Musicali calabresi, il proprio amore e sapere per l’arte della musica. Momenti di straordinaria crescita sociale e culturale, che hanno trasmesso al mondo intero un’immagine diversa e positiva, nonché l’innata bellezza della nostra terra antica Magna Grecia.

Così si legge nella motivazione che accompagna la scelta del Festival Leggere&Scrivere – in collaborazione con la Fondazione Antonino Murmura – di premiare uno dei più autorevoli rappresentanti della cultura italiana: Riccardo Muti.

Si tratta di un omaggio al grande direttore d’orchestra; il riconoscimento il suo impegno a favore della formazione musicale dei giovani. Quest’impegno è giunto fino in Calabria: Muti è stato, infatti, fonte di ispirazione di molte iniziative a carattere musicale nella regione.

Tra queste la nascita dell’Orchestra Giovanile di Laureana di Borrello, a cura del maestro Maurizio Managò. Quest’orchestra è una sfida vinta sul terreno civile: la prova tangibile che la cultura può sconfiggere la marginalità di un territorio e seminare valori di progresso.

Sarà, proprio, il concerto dell’Orchestra Giovanile di Laureana di Borrello ad aprire il Festival Leggere&Scrivere (martedi 2 ottobre, Ore 11.30 – Auditorium Spirito Santo Vibo Valentia ), al termine del quale sarà fatta menzione del premio a Riccardo Muti.