palmira1
Il celebre archeologo discuterà con Fabrizio Sudano il 4 ottobre a Palazzo Gagliardi

L’archeologo Paolo Matthiae, illustre accademico e orientalista, presenterà il 4 ottobre il suo ultimo libro in Calabria, a Vibo Valentia. L’evento è previsto nella seconda giornata del TF Leggere & Scrivere, la kermesse letteraria organizzata dal Sistema Bibliotecario Vibonese e patrocinata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Turistiche e dal Centro per il Libro e la Lettura. Anche la quinta edizione del Festival, per volontà dei direttori artistici Gilberto Floriani e Maria Teresa Marzano, dedica ampio spazio al tema della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale. Paolo Matthiae, accademico dei Lincei, presenterà il volume “Distruzioni, saccheggi e rinascite. Gli attacchi al patrimonio artistico dall’antichità all’Isis” (Mondadori Electa, 2015). Converserà con l’autore Fabrizio Sudano, funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Calabria. La presentazione del libro di Matthiae sarà il 4 ottobre alle 12.00 nello storico Palazzo Gagliardi di Vibo Valentia. Nei video di propaganda diffusi dai militanti dello Stato Islamico (Isis) spesso assistiamo alla distruzione di reperti archeologici, il patrimonio artistico dell’Iraq e della Siria che diviene bersaglio del fondamentalismo. Ad esempio la città di Palmira, patrimonio Unesco, è stata quasi rasa al suolo dai miliziani jihadisti. L’archeologo Matthiae, che ha condotto ampie ricerche in Medio Oriente ed è considerato lo scopritore dell’antica città siriana di Ebla, conserva nel suo libro dati e riflessioni su alcune tra le tante di quelle distruzioni e su alcuni, tra i tanti, modi con cui gli uomini, da un lato, hanno provato, già in un passato lontano ma soprattutto in un passato vicino e nel presente attraverso i recuperi prodotti dall’archeologia, a far fronte ai degradi e alle perdite del patrimonio culturale e, dall’altro, si sono posti di fronte ai ritrovamenti, occasionali o ricercati, di beni del patrimonio culturale materiale andati perduti.