in evidenza

Si conclude la settima edizione del Festival Leggere&Scrivere con un nuovo successo

Una comunità. Di lettori, di amanti del libro, innanzitutto. Ma anche una comunità di persone, di ogni età, che condivide una certa idea di cultura: dialogo, confronto, curiosità, empatia. Questa è stata la sensazione respirata in questi giorni a Palazzo Gagliardi di Vibo Valentia: la sede del Festival Leggere&Scrivere. “Ci piace viverci come una comunità” ha ammesso il direttore Gilberto Floriani. “Non si tratta di una comunità chiusa – ha

Nicola Gratteri chiude Leggere&Scrivere 2018: “Sulla Pa faremo cose importanti. In Calabria oggi investigatori di primo piano”

Il festival Leggere&Scrivere, giunto all’ultima giornata, ha ospitato un incontro con il Procuratore della Repubblica Nicola Gratteri, magistrato tra i più impegnati in Italia sul versante della lotta alle mafie e capo della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. “Perché questa scelta?” ha chiesto la giornalista Paola Bottero in apertura. “Non si sa quello che accade. Faccio questo lavoro perché, abito a Gerace – ha detto il Procuratore antimafia – vedevamo morti

Tommaso Labate: vi racconto la generazione dei quarantenni rassegnati

Una generazione “triste”, quella dei quarantenni di oggi. La racconta in I rassegnati (Rizzoli, 2018) Tommaso Labate del Corriere della Sera che ha scelto il festival Leggere&Scrivere 2018 come prima uscita per la presentazione del suo libro.  “Nel lungo lavoro di scrittura del libro ho scoperto dei fenomeni. La mia generazione non dorme. Nella notte siamo tormentati da alcune domande: ad esempio, chi penserà ai miei genitori?”, ha esordito il giornalista a palazzo Gagliardi di Vibo

Focus sui beni culturali, la senatrice Margherita Corrado: “In 5 anni Mibact depotenziato dall’interno”

Confronto sulle politiche a favore del patrimonio culturale con la senatrice del Movimento 5 stelle Margherita Corrado, il vicesindaco di Cosenza Iole Santelli (Forza Italia), il consigliere regionale Michele Mirabello (Pd) e l’antropologo Vito Teti. In apertura il bibliotecario e direttore del festival, Gilberto Floriani, coordinatore del dibattito, ha detto: “L’incontro è utile per raccordare le azioni e gli strumenti per valorizzare il patrimonio culturale. Viviamo in una regione che parte svantaggiata con i consumi culturali tra

Pietrangelo Buttafuoco: un quaderno e una penna, scrivere per vedere la realtà

Nel pomeriggio della penultima giornata del festival Leggere&Scrivere 2018 il giornalista e scrittore Pietrangelo Buttafuoco ha presentato I baci sono definitivi(La Nave di Teseo). “Perché i baci sono definitivi?” ha chiesto Barbara Tomasino che ha conversato con Buttafuoco. “Nell’apparente banalità della vita si conserva lo straordinario, un qualcosa di infinitamente alto in qualcosa di infinitamente piccolo. Tutto quello che può sembrare abitudine custodisce un’astuzia. Il definitivo è qualcosa che ci marchia”. Ogni giorno Buttafuoco racconta un nuovo episodio.

Sabato 6 ottobre: Tommaso Labate, Nicola Gratteri e gli appuntamenti di oggi

La giornata conclusiva del festival comincia alle ore 9 a Palazzo Gagliardi: in Sala Ammirà incontro su “Ritmi Cubani per percussioni e batteria: una prospettiva Calabrese”. Seminario di Aldo Mazza, percussionista e scrittore canadese, conversano con l’autore il Direttore Gilberto Floriani e Vito Teti. La Sala Berto ospitaEugenio Sorrentino che presenta La comunità di Zungri e il suo cammino nella Storia (Libritalia.net), conversa con l’autore Maurizio Bonanno. Nella Sala Capialbi Federico Schiavi presenta “La dodicesima battaglia”, un documentario